Home > La nostra storia

La nostra storia

Ufficialmente fondato il 24 novembre del 1935, data in cui si svolgeva la prima assemblea dei 124 soci originari del RACI (Reale Automobile Club d’Italia), la sede di Agrigento aveva in realtà cominciato la propria attività già nell’autunno del 1934. Il primo Consiglio direttivo, - composto da notabili del territorio quali Ignazio Altieri, Salvatore Afflitto, Vincenzo Lo Sardo (successivamente sostituito dal Cav. Stefano Vella), Calogero Miccichè e Antonio Gaetani, - fu presieduto dal Rag. Ignazio Altieri, già Podestà della città di Agrigento, presidente del Consiglio dell’Economia Corporativa (l’attuale Camera di Commercio) e in futuro anche sindaco. Le prime attività si svolsero nella piccola sede di Via Roma (l’attuale via Atenea), al primo piano del palazzo Borsellino, ma già sul finire del 1935 la sede sociale venne spostata al n. 23 di piazza Cavour, denominato allora emiciclo Cavour. In un contesto in cui l’automobile era un bene di lusso (nel 1935 circolavano nella provincia di Agrigento soltanto 589 autovetture) e la guerra quasi alle porte, l’Automobile Club avviò un’attività sociale da subito improntata allo sport, dimostrata dalla partecipazione ad una gara di regolarità sul percorso Agrigento-Caltanissetta-Enna che vedeva protagonisti i soci delle tre province siciliane. Nello stesso anno una gita al cratere dell’Etna sarà la prima di molte attività sociali (incontri, the danzanti…) improntate a quella che era la vita di un vero e proprio club.
Fin dall’origine, inoltre, l’Automobile Club si fece promotore di istanze in materia di sicurezza stradale, caldeggiando il comune a provvedere alla riparazione di numerosi tratti stradali.
Seguirono poi le prime convenzioni commerciali, la gestione di aree comunali destinate a parcheggi, l’organizzazione di corsi per conseguire l’idoneità alla guida e di raduni automobilistici in occasione di eventi cittadini di rilievo come le prime edizioni della Sagra del Mandorlo in Fiore.
Il periodo post bellico, oltre a un rinnovo del Consiglio direttivo, presieduto dall’Avvocato Giovanni Sinatra, vide un rilancio delle attività dell’Ente, sottolineato dall’adozione di un nuovo statuto, una sempre maggiore collaborazione con le istituzioni comunali e l’organizzazione di una nuova competizione di rilievo: nel 1949 si corse, infatti, la 1^ Coppa dei Templi.
Costanti furono, in quegli anni, anche le partecipazioni al Giro di Sicilia, una competizione organizzata dal padre della celebre Targa Florio, il cui percorso si snodava lungo l’intero periplo dell’isola.
Ancora, nel 1952 il Consiglio direttivo dell’Automobile Club deliberò l’organizzazione di una gara di regolarità sul percorso Caltanissetta – Enna – Piazza Armerina – Gela – Agrigento. E nel medesimo anno l’Ente fu impegnato nell’organizzazione della Settimana dell’educazione stradale, la prima iniziativa di tale genere che vedeva un pieno coinvolgimento delle scuole della città.
Nel gennaio del 1956 l’Ente si trasferì nei nuovi locali di via San Vito. Negli anni del boom economico – nel 1958 ad Agrigento si raggiunse il tetto delle diecimila auto circolanti – oltre a consolidare le attività in materia di educazione e sicurezza stradale, l’Ente battezzò una nuova competizione: la Sciacca-Caltabellotta, della quale si disputarono due edizioni, nel biennio 1961-62.
Nel 1969 il Presidente Sinatra passò il testimone all’avvocato Felice Alba che sarebbe rimasto alla presidenza fino al 1981.
Nel 1973 si disputò la prima Coppa Monte Kronio, destinata a diventare un appuntamento fisso nel calendario sportivo agrigentino e nel 1980 ebbe luogo la cronoscalata Cammarata – Santa Rosalia.
Durante la presidenza del dott. Cognata, il 24 novembre 1985, l’Automobile Club di Agrigento ha festeggiato il suoi primi cinquant’ anni di attività. Oggi, come allora, l’Automobile Club continua a rivestire per la città di Agrigento e per la sua provincia un ruolo d’impulso nel settore della mobilità, dell’educazione e della sicurezza stradale e un importante punto di riferimento per i tanti automobilisti che usufruiscono quotidianamente dei suoi servizi. 

PRESIDENTI:

Ignazio Altieri, dal 1935 al 1941

Giovanni Sinatra, dal 1946 al 1969

Felice Alba, dal 1969 al 1981

Giuseppe Cognata, dal 1981 al 1999

Giulio Cesare Viola, dal 1999 al 2005

Calogero Capraro, dal 2005 al 2009

Comm. Ciro Menna, dal 2009 al 2010

Comm. Giuseppe Attilio Alessi, dal 2011 al 2012

Comm. Antonino Gaziano, dal 2012 al 2013

Pasquale Mauro, dal 2013 al 2015

Salvatore Bellanca, dal 2015 al


DIRETTORI:

Francesco Mauro Paar, 1936

Pietro Castellana, dal 1936 al 1971

Leo Biagiotti, dal 1971 al 1974

Luigi Campione, dal 1974 al 1975

Ernesto Morasca, dal 1975 al 1980

Oreste Sciascia, dal 1980 al 1983

Alfonso Noto, dal 1983 al 1996

Leonardo Aquilina, dal 1996 al 2003

Italo Giugno, dal 2003 al 2008

Giuseppe Attilio Alessi, dal 2008 al 2011

Francesca La Martina, dal 2011 al 2012

Antonio Salvaggio, dal 2012 al 2017

Danile Giuseppina, del 2017 al